Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Economia

La provincia: "una nuova Toscana" che piace agli stranieri

La relazione dell’Osservatorio immobiliare del I° semestre 2014 presentata dalla Fiaip in collaborazione con Confindustria registra una sostanziale stabilità dei prezzi, ormai ridimensionati rispetto al "pre-crisi". Grandi difficoltà ancora per le locazioni, mentre la seconda casa è una chimera. Un 43% in più di investitori stranieri
 PROVINCIA - Non sono ancora dati che danno un segnale positivo, “ma lo possiamo considerare un momento di tendenza. Un momento dove è necessario agire per una 'rigenerazione'”. E proprio sulla “rigenerazione” come ripartenza punta la Fiaip, la Federazione italiana agenti immobiliari professionali. A fare il quadro del primo semestre 2014 è il presidente Franco Repetto con la relazione dell'Osservatorio immobiliare di questi primi mesi dell'anno, in collaborazione con Confindustria Alessandria. “Nell'ultimo semestre abbiamo registrato sia a livello tendenziale (rispetto all'anno passato) che congiunturale (rispetto al semestre precedente) una sostanziale stabilità dei prezzi, notevolmente ridimensionati”: recuperando la statistica de “IlSole24Ore”, i prezzi medi di vendita di un appartamento di 100 metri quadri in zona semi centrale per un capoluogo come Alessandria segnano un -23,8%. Dai 2100 euro al mq del 2007, infatti, si è passati ai 1600 euro del 2013. “Grandi crolli”. Il confronto è stato fatto con una città molto vicina come Asti: “qui la discesa è ancora più marcata – spiega il presidente Repetto – perchè dai 2350 euro al mq del 2007 siamo scesi ai 1700 del 2013 (-27,7%)”. Come a dire in questo caso “che non sempre l'erba del vicino è più verde”.

E' infatti la dinamicità del mercato a dare una svolta: “più scendono i prezzi unitari, meno si vende”, spiega Repetto. In generale i prezzi medi del nuovo , registrano quotazioni che oscillano tra un massimo di circa 2600 euro al mq (nel centro storico in fabbricati di particolare pregio) sceso di 100 € rispetto al semestre precedente ad un minimo di circa 550 euro al mq ( sceso da 850 a conferma che per quanto riguarda alloggi usati e da ristrutturare la discesa è ancora in atto ). Questo dato è relativo ad unità, in periferia nei piccoli centri e nei sobborghi di Alessandria. Insomma le premesse poco incoraggianti di fine 2013 – come come confermato dal responsabile del mercato industriale Mauro Ravera – sono state drammaticamente confermate anche in questa prima parte del nuovo anno, il 2014.

Quello che emerge dal mercato immobiliare è che le “seconde case sono ormai una chimera”. Le richieste sono quasi esclusivamente per la prima casa, mentre a mettere in difficoltà il settore della “seconda casa” è l'esagerata tassazione. “E' notizia di questi giorni che addirittura – esemplifica il presidente – i proprietari dei capannoni eliminano il tetto per poter pagare meno di Imu”. Uno dei punti chiave, quindi, dell'Osservatorio è proprio quello che riguarda la tassazione: “solo con un suo abbattimento si può pensare di rimettere in moto il mercato”. Visto e considerato che “anche i contratti di locazione oggi non danno più nessuna garanzia”. Qui secondo la Fiaip le problematiche derivano da una “non corretta applicazione delle leggi, sebbene ci siano”. Uno dei grandi problemi legato al mercato immobiliare è infatti quello della “morosità incolpevole”: “se non c'è la corretta e repentina (proprio in termini temporali) applicazione delle leggi, questo si trasforma in un danno economico se l'inquilino non paga l'affitto, ma anche in un danno immobiliare perché oggi non è così semplice 'riprendersi' per un proprietario il proprio immobile”.

Oggi quindi “mancano le garanzie, per entrambe le parti”. Un settore delle locazioni che sembra essere in ripresa ma che deve fare ancora i conti con numerose problematiche: una su tutte è quella del contesto cittadino e urbanistico in cui si opera. “Questo intendo per rigenerazione – prosegue Repetto – Oggi non bisogna più pensare a fare una bella casa, un bel negozio. E' necessario, invece, intervenire sul pubblico e fare quindi delle belle strade, delle belle piazze, che rendano attrattiva la zona”. E l'esempio migliore è Alessandria, con le sue buche nelle strade: “in corso Roma prima il valore di un negozio era di 5 mila euro al mq. Oggi arriva a mala pena a 3 mila”. Se il territorio non è attrattivo, l'investitore non arriva. E il problema è che “quando si scende sotto un certo limite, è poi difficile invertire la tendenza”. La ripresa passa quindi secondo la Fiaip dagli sviluppi, rimasti al palo negli anni della crisi, ma necessari per creare prodotto in linea con le aspettative sia dei clienti che degli investitori: “dobbiamo tutti insieme contribuire ad offrire un prodotto di qualità e competitivo, che possa creare valore nel tempo” .

E' proprio sulle “azioni drastiche” di miglioramento del territorio che bisogna puntare, “perché è il momento giusto”. Le potenzialità ci sono: a dimostrarlo sono i dati riportati da Andrea Monti sull'interesse straniero per quello che viene definito “la nuova Toscana”, cioè il territorio della provincia alessandrina. Nel primo semestre 2014 un 43% in più di richieste di clienti stranieri “che amano il nostro territorio e vogliono investire”. Si tratta soprattutto di tedeschi, danesi e olandesi. Questo è un mercato in continua crescita sulle cui potenzialità è necessario investire. Quello insomma che già è stato fatto nel mercato estero: una vetrina sul mercato straniero da parte dell'Italia – visto il momento d'oro che sta vivendo – è stata aperta. E così l'interesse degli italiani verso l'estero si sta allargando e sta iniziando a spaziare: non solo più le storiche mete come Stati Uniti, Inghilterra e Germania che erano una garanzia. “Oggi visti i prezzi di mercato sempre alti ci si sposta ad esempio da Berlino a Lipsia, da Londra a Liverpool, da Manhattan a Brooklyn”.
18/07/2014
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Antonio Albanese il prossimo 13 dicembre 2018 al Palatenda Alegas con "Personaggi"
Antonio Albanese il prossimo 13 dicembre 2018 al Palatenda Alegas con "Personaggi"
DIRTY DANCING FA SOGNARE LA PROVINCIA!! SOGNA INSIEME A NOI SABATO 8 DICEMBRE AD ALESSANDRIA
DIRTY DANCING FA SOGNARE LA PROVINCIA!! SOGNA INSIEME A NOI SABATO 8 DICEMBRE AD ALESSANDRIA
 Dirty Dancing- il musical, nella sua edizione speciale per i 30 anni dall'uscita del film
Dirty Dancing- il musical, nella sua edizione speciale per i 30 anni dall'uscita del film
-->