Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

Il brutto "biglietto da visita" dei negozi sporchi, nonostante la "legge"

L'ordinanza di tenere puliti i negozi anche se sfitti non sempre viene rispettata. Multe poco "incisive" e difficoltà nel risalire ai proprietari rende difficoltosa la sua applicazione. Corso Roma "isola felice": non conosce crisi (per ora)
 ALESSANDRIA - “Il bello chiama il bello” non è il titolo di una nuova telenovela, ma il mantra che viene ripetuto tra i commercianti alessandrini per autoconvincersi che bisogna essere un po' meno grigi, almeno in questo settore. E' sufficiente percorrere qualche strada del centro - da via Milano a via dei Martiri, via Pontida o via Mazzini – per trovare negozi vuoti che di bello hanno ben poco. Abbandonati perché sfitti, con sporco dentro e fuori. Al passaggio, l'impatto visivo è di desolazione.

Ordinanza “flessibile”.

Dal 2010 esiste una ordinanza firmata Piercarlo Fabbio, sulla “Disciplina relativa ai fondi commerciali sfitti”. Visto che i negozi inutilizzati sono ricettacolo di sporcizia e rifiuti vari, e che di notte a causa dell’assenza di illuminazione possono rendere buie e inospitali alcune strade, si decise per obbligare i proprietari a oscurare le vetrine, pulirne gli esterni, rendere i propri negozi un po' più decorosi. Inoltre il sindaco ordinò di “tenere pulite le vetrine conservandole libere sia sull’esterno che sull’interno da affissioni di manifesti, volantini, fogli di giornale, e simili anche se fatti da terzi”. In caso di inottemperanza la sanzione pecuniaria va da 25 a 500 euro.
L'ordinanza è ancora in vigore, ma come spiega l'attuale assessore al commercio Marica Barrera, si è sempre cercato di convincere i proprietari con le buone, al rispetto di questa regola, prima di sanzionare. “Multe ne sono state comunque fatte, ma si tende a non esagerare”, dice. “Le segnalazioni arrivano spesso dai vicini, a testimoniare che i commercianti ci tengono al decoro”. Quando invece si deve sensibilizzare alla pulizia proprietari grandi (enti o multinazionali) la sanzione di 30 euro non incute timore, e quindi il sollecito cade nel vuoto. Le buone maniere, a conti fatti, non sempre funzionano.

Negozi camuffati.
Prima che il Comune partisse con l'operazione camouflage di ruderi in pieno centro, già alcuni commercianti avevano usato le vetrine sfitte come supporto per immagini artistiche che dessero un tocco di colore alla via. Ma molto spesso – e non solo in centro – i casi di esercizi commerciali “abbruttiti” sono tanti.

Festa nei negozi sfitti, corso Roma sold out.
Ascom ha gia implementato l'operazione Green Design, con fioriere colorate ad abbellire gli ingressi. In più il 9 settembre ci sarà una grande festa, con 5 negozi sfitti usati come teatri di spettacoli. “Abbiamo faticato a trovarne in corso Roma. Per fortuna restano vuoti per poco tempo”. Se via del Corso de noantri è praticamente “tutta esaurita”, il resto del centro città non se la passa bene. Figuriamoci le periferie.

Dopo corso Roma, il diluvio. Guerra dei prezzi al ribasso.

Manca proprio la richiesta. Franco Repetto, presidente provinciale FIAIP (associazione agenti immobiliari) non ha dubbi. “Manca proprio la richiesta di negozi. A parte poche vie, dal punto di vista immobiiare-commerciale siamo ancora in crisi nera. Imposte troppo alte hanno creato dal 2010, prima una corsa al ricollocamento in negozi più convenienti, poi una guerra dei prezzi: chi voleva tenersi il buon inquilino pagatore, ha rinunciato anche al 50% del canone. Corso Roma compresa. Oggi, nonostante gli affitti molto più bassi di qualche anno fa non c'è proprio l'interessamento”.

E così le vetrine si impolverano e i vandali non credono ai loro occhi. La Polizia Locale – già sotto organico – fa quel che può, invitando a quello che dovrebbe essere un normale senso civico. Ma multe light e la difficoltà a  risalire e contattare i proprietari, rende il loro compito ancora più complicato.
 
4/08/2016
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Antonio Albanese il prossimo 13 dicembre 2018 al Palatenda Alegas con "Personaggi"
Antonio Albanese il prossimo 13 dicembre 2018 al Palatenda Alegas con "Personaggi"
DIRTY DANCING FA SOGNARE LA PROVINCIA!! SOGNA INSIEME A NOI SABATO 8 DICEMBRE AD ALESSANDRIA
DIRTY DANCING FA SOGNARE LA PROVINCIA!! SOGNA INSIEME A NOI SABATO 8 DICEMBRE AD ALESSANDRIA
 Dirty Dancing- il musical, nella sua edizione speciale per i 30 anni dall'uscita del film
Dirty Dancing- il musical, nella sua edizione speciale per i 30 anni dall'uscita del film
-->