Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

Ponte Meier: "qualcosa è andato storto"

In attesa che venga rilasciato il manuale di manutenzione, il ponte presenta i primi problemi, come le aste orizzontali che escono dalle proprie sedi e la pericolosità della copertura in legno in caso di maltempo, tanto che la passerella pedonale è già stata chiusa al traffico. Ma c'è di più. M5s: "progetto modificato e rampe non a norma"
ALESSANDRIA - Come tutte le opere di questa rilevanza il ponte Meier è spesso al centro dell'attenzione e le occasioni per discuterne, a quanto pare, non mancano.

Dopo i problemi relativi a lucchetti, telecamere e graffiti, si torna a parlare di difetti di progettazione, o quantomeno di qualche variazione rispetto al progetto originale dell'architetto statunitense che sta creando problemi imprevisti. 

A lanciare l'allarme è in particolare il Movimento 5 Stelle Alessandria che attraverso i suoi due consiglieri, Michelangelo Serra e Francesco Gentiluomo, presenta un'interpellanza per chiedere chiarimenti al sindaco in merito a diversi punti critici: "il ponte è stato inaugurato nel 2016 ma già richiede diversi interventi di manutenzione straordinaria - sottolineano dal movimento - specialmente sui parapetti della pista ciclo-pedonale, che presenta disconnessioni tra le aste orizzonali e i montanti del parapetto, oltre a evidenti problemi di ossidazione". 

Ad attirare l'attenzione dei 5 Stelle vi è anche una variazione del progetto esecutivo, che ha sottratto un elemento di sicurezza rispetto all'idea originale dell'architetto: "il parapetto prevedeva un vetro antisfondamento a protezione delle aste orizzontali, per metterlo in sicurezza dal potenziale scavalcamento oltre a protezioni anti ossidazione. Che ne è stato di questo elemento? In più - proseguono i pentastellati - la copertura in legno, resa scivolosa dall’umidita’ invernale del fiume sulla quale e’ stata posta, crea ulteriori problemi di sicurezza a chi la percorre (e in effetti è già capitato che il ponte venisse chiuso nella parte pedonale proprio per la sua scivolosità e il rischio di provocare cadute ai passanti)". 

L'ultimo elemento riguarda poi la rampa di accesso alla Cittadella a valle di Strada Pavia verso porta Reale: "raggiunge il 9%, livello ben superiore a quanto previsto della leggi nazionali e regionali e in risposta alla nostra interpellanza del 13 ottobre 2015 era stato previsto un intervento per mettere la stessa a norma, ma per ora lo stesso non è stato eseguito". 
15/01/2018
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Primo cogresso provinciale Uil Tucs dopo 4 anni
Primo cogresso provinciale Uil Tucs dopo 4 anni
Il gioiello di Cerreto
Il gioiello di Cerreto
Intervista a Marco Lodola e Giovanna Fra all'inaugurazione della loro mostra "Se Stasera Siamo Qui"
Intervista a Marco Lodola e Giovanna Fra all'inaugurazione della loro mostra "Se Stasera Siamo Qui"
Maestre senza laurea in presidio sotto la Prefettura
Maestre senza laurea in presidio sotto la Prefettura
Villalvernia ricorda le bombe
Villalvernia ricorda le bombe
L’originale Consorzio "Gli Ambulanti di Forte dei Marmi" a Tortona domenica 3 dicembre
L’originale Consorzio "Gli Ambulanti di Forte dei Marmi" a Tortona domenica 3 dicembre
-->