Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Provincia

"Le mani della malavita sul terzo Valico"

Un dettagliato dossier del movimento No Tav ricostruisce la rete di appalti e subappalti legati al Terzo Valico dei Giovi, opera su cui avrebbe messo le mani la malavita organizzata
PROVINCIA - Secondo il movimento No Tav non è più un rischio, ma un fatto conclamato che “le mani della malavita organizzata” siano arrivate sul Terzo Valico dei Giovi. I sospetti si concentrano su aziende operanti nel territorio tortonese di cui il movimento fa “nomi e cognomi”, pubblicando sul sito una approfondita inchiesta in cui vengono ricostruiti i sospetti di infiltrazioni mafiose con riferimento ad aziende operanti presso la cava Montemerla, in particolare ricostruendo alcune vicende giudiziarie e allegando visure camerali delle imprese del gruppo Ruberto.
“La triste verità è che nella nostra omertosa provincia parlare di 'ndrangheta è qualcosa di socialmente ed economicamente sconveniente. Altrimenti non si spiega come mai gli enti continuino a dare permessi per aprire cave ben sapendo chi le gestisce e i comuni continuino a servirsi di ditte di famiglie mafiose. Chi gestisce cave versa oneri al Comune, anche un euro a metro cubo di materiale scavato, e pecunia non olet. Se poi i buchi vengono riempiti con rifiuti tossici non è colpa loro”, commentano gli attivisti No Tav.
È grazie a questi meccanismi che oggi le istituzioni possono bloccare due delle principali aziende della Provincia senza che quasi nessuno se ne accorga. La 'ndrangheta c'è, ma non si deve dire troppo forte. Fiutando imbarazzo nel silenzio degli enti, nel momento in cui sono state bloccate due ditte con accuse così pesanti e non è stato, abbiamo fatto qualche controllo, di quelli che, a quanto pare, solo noi sappiamo fare. Non perché siamo più bravi, ma perché siamo gli unici che possono permettersi di essere sinceri e non hanno paura di scrivere la verità”.
Dalle verifiche risulterebbe che “l'azienda che gestisce ed è proprietaria di parte di una delle cave destinate ad accogliere lo smarino del Terzo Valico, la cava Montemerla di Tortona situata accanto a scuole, al bordo di un popoloso quartiere e a fianco di un centro commerciale, il sito più grande nella zona del tortonese destinato ad ospitare circa 2.200.000 mt. cubi di smarino provenienti dai cantieri, abbia sede allo stesso indirizzo in cui hanno sede le due ditte dei Ruberto che hanno subito la sospensione per infiltrazione mafiosa.
“Ora viene spontaneo farsi alcune domande. Gli imprenditori sospettati hanno interessi nella realizzazione del Terzo Valico? Se così operassero certi sospetti, non sarebbe il caso di controllare cosa si trova nel sottosuolo? Data la stessa premessa, è opportuno concedere l'utilizzo dell'area per lo stoccaggio dello smarino del Terzo Valico? Considerato che la presenza delle mafie sul nostro territorio è storicamente accertata dalla presenza di numerosissime aree inquinate da rifiuti tossici e che alcuni responsabili sono stati in passato individuati e arrestati, sembra intelligente aver firmato un protocollo antimafia che è più che altro un'autocertificazione? Tra quanti anni si potrà dire senza essere presi per matti che la nostra provincia è stata e continua ad essere terra di conquista delle mafie? Come mai e in base a quali valutazioni tecniche la Provincia di Alessandria chiese di considerare l'utilizzo della Montemerla salvo poi negli anni successivi non autorizzare per ben due volte un progetto di discarica nel medesimo sito considerata la collocazione in zona esondabile dal torrente Grue?”
27/01/2014
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Primo cogresso provinciale Uil Tucs dopo 4 anni
Primo cogresso provinciale Uil Tucs dopo 4 anni
Il gioiello di Cerreto
Il gioiello di Cerreto
Intervista a Marco Lodola e Giovanna Fra all'inaugurazione della loro mostra "Se Stasera Siamo Qui"
Intervista a Marco Lodola e Giovanna Fra all'inaugurazione della loro mostra "Se Stasera Siamo Qui"
Maestre senza laurea in presidio sotto la Prefettura
Maestre senza laurea in presidio sotto la Prefettura
Villalvernia ricorda le bombe
Villalvernia ricorda le bombe
L’originale Consorzio "Gli Ambulanti di Forte dei Marmi" a Tortona domenica 3 dicembre
L’originale Consorzio "Gli Ambulanti di Forte dei Marmi" a Tortona domenica 3 dicembre
-->