Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Economia

Bando pubblico per la selezione dei progetti di riqualificazione dei corpi idrici piemontesi

L’obiettivo è il finanziamento di interventi di riqualificazione dell’ecosistema fluviale e lacuale piemontese al fine del mantenimento o recupero del buono stato di qualità delle acque superficiali e sotterranee
ECONOMIA - Il bando, in attuazione delle disposizioni della Dgr 38-6589 del 9 marzo 2018 si propone l’obiettivo di finanziare interventi di riqualificazione dell’ecosistema fluviale e lacuale piemontese al fine del mantenimento o recupero del buono stato di qualità delle acque superficiali e sotterranee, in conformità con i contenuti della pianificazione di settore distrettuale e regionale: il Piano di gestione del distretto idrografico del fiume Po (PdG Po-2015) ed il Piano di tutela delle acque (Pta) identificano il reticolo significativo, le pressioni prevalenti, lo stato di qualità delle acque superficiali e sotterranee e le misure necessarie per il loro risanamento. Le finalità degli interventi ammessi devono essere coerenti con quanto disposto all’art. 21 del regolamento regionale 15/R del 2004, che vincola la destinazione del finanziamento erogato con il presente bando alle attività regionali di attuazione del Piano di tutela delle acque.

Soggetti beneficiari
Il bando è riservato ai seguenti soggetti pubblici:
  • Comuni, in forma singola o associata
  • Province
  • Città Metropolitana di Torino
  • Enti gestori delle aree naturali protette e aree Natura 2000, diversi dalla Regione Piemonte.
Sono esclusi dal finanziamento gli Enti di governo di Ambito Territoriale Ottimale (EgATO) per il servizio idrico integrato.

Localizzazione dei progetti di intervento
I progetti devono essere localizzati su aree demaniali, su fondi di proprietà dei soggetti beneficiari o ad essi resi disponibili a diverso titolo. In ogni caso deve essere garantita la funzionalità dell’intervento nel tempo, cioè che esso possa esplicare le sue finalità per un periodo di almeno 20 anni.
I progetti devono interessare i corpi idrici, naturali o artificiali, individuati nel PdG Po-2015 e devono ricadere nell’alveo e/o nelle fasce perifluviali e perilacuali, che per le finalità del bando si ritengono così individuate:
a) per il reticolo idrografico naturale:
all’interno della fascia B del Piano Assetto Idrogeologico (PAI) ove questa sia delineata;
all’interno del territorio interessato dalle piene con tempi di ritorno tr = 100 – 200 anni per la porzione di reticolo non soggetto alla delimitazione delle fasce fluviali (probabilità di alluvione media ai sensi del Piano di gestione del rischio di alluvioni);
b) per il reticolo artificiale individuato come corpo idrico dal Pdg Po 2015:
all’interno di una fascia di metri 10 dalla sponda;
c) per i laghi:
all’interno della fascia dei 300 metri dalla linea di battigia.
Gli interventi devono essere localizzati entro il territorio della Regione Piemonte.

Interventi ammissibili al finanziamento
Sono da intendersi coerenti con le finalità della rinaturazione/riqualificazione delle fasce perifluviali e perilacuali gli interventi che concorrono ad attuare le seguenti misure chiave (KTM) del PdG Po-2015:
KTM 5 Miglioramento della continuità longitudinale (ad es. attraverso i passaggi per pesci, demolizione delle vecchie dighe ed opere trasversali);
KTM 6 Miglioramento delle condizioni idromorfologiche dei corpi idrici, diverse dalla continuità longitudinale;
KTM 18 Misure per prevenire o per controllare gli impatti negativi delle specie esotiche invasive e malattie introdotte;
KTM 23 Misure per la ritenzione naturale delle acque.
Il progetto definitivo di intervento, ai sensi dell’art. 23 del d.lgs 50/2016, associato al relativo quadro economico, deve essere riconducibile alle sotto riportate tipologie di intervento, pena l’esclusione del progetto dalla procedura di selezione.

Spese ammissibili
Sono ammissibili soltanto le spese direttamente riferibili esclusivamente all’iniziativa progettuale per cui si richiede il contributo, sostenute direttamente dall’ente richiedente, cui deve essere intestata tutta la documentazione fiscale.
Le “spese tecniche” possono essere finanziate nella misura massima del 10% dell’importo “somme per lavori”. Le “somme per imprevisti” e le “spese per acquisizione disponibilità di aree” possono essere altresì finanziate nella misura massima del 5% dell’importo “somme per lavori”. A tale riguardo, gli Enti richiedenti esplicitano nel quadro economico di progetto a corredo della domanda sia le “somme per lavori” che le “somme a disposizione”, indicando entro l’ammontare di queste ultime le “spese tecniche”, nonché le eventuali “somme per imprevisti” e “spese per acquisizione disponibilità di aree”.
Le spese, anche effettuate dopo la presentazione della domanda di finanziamento e prima dell’approvazione della stessa, sono sostenute ad esclusivo rischio del beneficiario.
È escluso l’utilizzo di economie di spesa ad assorbimento parziale o totale dell’eventuale cofinanziamento del progetto da parte del soggetto beneficiario.
L’esecuzione di lavori e l’acquisizione di servizi e forniture da parte del beneficiario dei finanziamenti dovrà avvenire ai sensi del d.lgs. 50/2016 e s.m.i.

Importo finanziabile
Il limite massimo finanziabile è fissato in euro 125.000,00, compresa IVA, per progetto e per beneficiario.
link al bando in originale e modalità di presentazione dei progetti
Scadenza: Le domande devono essere presentate in modalità elettronica entro le ore 12 del 15 giugno 2018
per info:
Lamoro scarl
Via Leopardi, 4 14100 Asti
0141532516
info@lamoro.it
22/05/2018
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Maurizio Vandelli in concerto al Festival Contro 2018
Maurizio Vandelli in concerto al Festival Contro 2018
Cristiano De Andr? apre il Festival contro 2018 a Castagnole Lanze
Cristiano De Andr? apre il Festival contro 2018 a Castagnole Lanze
Inaugurazione nuovo show-room Citro?n Grandi Auto
Inaugurazione nuovo show-room Citro?n Grandi Auto
Biodigestore Carentino: il presidio contro il progetto durante la Conferenza dei Servizi
Biodigestore Carentino: il presidio contro il progetto durante la Conferenza dei Servizi
Pattinaggio artistico Aurora
Pattinaggio artistico Aurora
Maurizio Vandelli a Castagnole Lanze per Festival Contro 2018
Maurizio Vandelli a Castagnole Lanze per Festival Contro 2018
-->