Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Provincia

Ultra Banda ovunque nel 2020, ma la provincia, oggi, fa la lumaca

Com'è la connessione internet ad Alessandria? E nel Monferrato? Valenza è a posto, ma tutto il resto della provincia arriverà preparata all'obiettivo del 2020, quando metà della popolazione viaggerà a 100 Mb? Ce lo chiede l'Europa
PROVINCIA - Il 2018 è alle porte, ma anche il 2020 non è poi così lontano. E' la data che segna una scadenza importante: tutti i cittadini europei devono essere collegati alla banda ultra larga.
Per arrivare preparati, o almeno avvicinarci all'obiettivo il Governo da un paio d'anni ha predisposto un piano strategico per cablare lo Stivale, anche nei territorio dove i privati non vogliono investire perché ritenuti antieconomici, soprattutto per la conformazione orografica del territorio.

In pratica alla mezzanotte del 31 dicembre 2020 tutti i cittadini italiani dovrebbero essere raggiunti da almeno 30 mega, e addirittura metà della popolazione sarebbe in grado di viaggiare a cento mega. Ma come va internet oggi, e come stanno procedendo le grandi manovre? In base ai dati ministeriali ad Alessandria – che recentemente ha stipulato un accordo con Open Fiber, la società di Enel che con CDP opera nel mercato delle infrastrutture a fibra ottica accessibile a tutti gli operatori – i 30 mega arrivano appena al 31% delle unità abitative. Un po' pochino per essere il capoluogo. E nel 2020 si prevede di coprire al massimo l'81%, non di più. Gli abitanti della provincia che possono già dormire sonni abbastanza tranquilli e connessi sono i novesi, coperti dalla banda larga all'87%. Progressivamente la quota arriverà al 91%. Sulle colline di Ovada si va maluccio: 46% di partenza, per un crescendo non proprio rossiniano fino al 79 per cento, non un casa di più.

I cugini dell'Alto Monferrato partono decisamente meglio (ad Acqui la banda larga è al 65%), per fermarsi però, tra il 2019 e la fatidica scadenza ad un 87,4% di popolazione raggiunta. Anche il Comune di Tortona non andrà oltre il 73,9%. Nel 2018 arriviamo nei progetti a malapena sopra il 64%.  Chi 'regna' è Valenza, già quasi a posto. 81% a fine 2017, 86,6 nel 2018, fio a 92,1%. Sulle colline quasi Unesco la banda è al 65 per cento. L'obiettivo è di portare il 74 per cento dei casalesi ad avere la ultra banda.

Gli stessi promotori della rete pubblica BUL ammettono che l'Italia non è partita bene: "Dovessimo usare un termine calcistico è in zona retrocessione, " confida il sottosegretario Antonello Giacomelli, "ma nel '20 arriveremo in Champion's League".

Vabbé, in provincia di promesse calcistiche del genere siamo abituati...


 
18/12/2017
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Passodopopasso Attraverso i miei occhi - Un aiuto per Karoona
Passodopopasso Attraverso i miei occhi - Un aiuto per Karoona
Arturo Brachetti incontra Osvaldo Guerrieri per l'anteprima di Passepartout Festival
Arturo Brachetti incontra Osvaldo Guerrieri per l'anteprima di Passepartout Festival
Arturo Brachetti incontra Osvaldo Guerrieri per l'anteprima di Passepartout Festival
Arturo Brachetti incontra Osvaldo Guerrieri per l'anteprima di Passepartout Festival
L’originale Consorzio "Gli Ambulanti di Forte dei Marmi" ad Arquata Scrivia domenica 10 giugno
L’originale Consorzio "Gli Ambulanti di Forte dei Marmi" ad Arquata Scrivia domenica 10 giugno
L’originale Consorzio "Gli Ambulanti di Forte dei Marmi" a Valenza domenica 17 giugno
L’originale Consorzio "Gli Ambulanti di Forte dei Marmi" a Valenza domenica 17 giugno
Carrà, Carrà, ancora Carrà...
Carrà, Carrà, ancora Carrà...
-->