Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Mondiali di Calcio 2018

Scenari Mondiali

A Soci i calciatori del ct Stanislav Cercesov ci hanno provato sino all’ultimo; sino a quando la freddezza di Rakitic non ha dato alla Croazia quello che è in fondo sacrosanto: una semifinale da giocarsi con la quadrata Inghilterra
La città di Soči, che nel 2014 ha ospitato le Olimpiadi Invernali, è gemellata, tra le altre con Mentone, Long Beach e Rimini. E non si tratta di attrazione degli opposti: Soči è una rinomata località turistica, una città di dacie, pinne fucili ed occhiali, dove i russi facoltosi vengono a cercare un sentore di Mediterraneo.
Un Mediterraneo che questo immenso paese ha vissuto sempre come un miraggio; il seducente effluvio proveniente da carovane arabe, veneziane e genovesi che trasportavano merci dall’Asia all’Europa e viceversa. La maggior parte dei Russi sono stati per secoli quasi solo questo: contadini, servi della gleba, che guardavano i nomadi e i mercanti passare, portando tutto altrove, compresi i cambiamenti. I Turchi, almeno, avevano il Bosforo; mentre il Caucaso e gli Urali chiudevano a doppia mandata uno sterminato paesaggio di regolarità umana, che forse per contrappasso si è volentieri prestato alle eccezioni, spesso fragorose: i balletti di San Pietroburgo, le avanguardie artistiche, la rivoluzione, l’uomo nello spazio.

Un numero di trapezio che. in nome della tradizione circense, i calciatori del CT Stanislav Čerčesov hanno provato ad eseguire sino all’ultimo; sino a quando la freddezza di Rakitić non ha dato alla Croazia quello che è in fondo sacrosanto: una semifinale da giocarsi con la quadrata Inghilterra. Del resto il pragmatismo con cui Vladimir Putin ha lasciato al premier Mevedev i posti riservati in Tribuna d’Onore, è l’ennesima dimostrazione della consapevolezza del nuovo Zar che in questo Mondiale i padroni di casa non avrebbero potuto farsi forza della loro arma più letale: l’inverno.

Del resto nessuno aveva messo il cuore più di tanto su questa squadra con molti centimetri e pochissime tracce di estro, inadatta a costruire più di una dignitosa presenza in una manifestazione da cui dovevano uscire a testa alta i politici più che i giocatori. Ora i russi potranno tornare a dedicarsi ai giochi a loro più congeniali, dall’’hockey su ghiaccio al pattinaggio artistico; dal salto con l’asta alla sciabola, commissioni antidoping permettendo. Allo stesso modo la nuova Guerra Fredda tra Russia e Inghilterra può continuare tra un avvelenamento e un sospetto, un hackeraggio e una sanzione, senza dover ricorrere ad intricate tattiche per contenere le folate agonistiche dei ragazzi di Southgate, che cominciano davvero a crederci.

Sognano i britannici, una finale: e che sia coi francesi, nella più classiche delle rivalità se ad un certo punto della storia non fossero spuntati i Tedeschi. Francia – Inghilterra sarebbe uno straordinario epilogo per gli appassionati delle vicende degli Stati e delle Nazioni; ma se preferite il calcio Belgio – Croazia sarebbe il degno atto conclusivo per un Mondiale che, vada come vada, avrà stravolto le gerarchie recenti di questo sport. Uno scontro tra Hazard e Modric sarebbe il sogno di qualsiasi appassionato, che nel controllo della palla a tesa alta e nel guizzo denso di intelligenza. ancor prima che di agonismo, vede il grado zero del gioco: quell’attimo in cui sul divano allarghi le braccia e sussurri “magnifico”.

Dasvidania Tovarishes.

9/07/2018
Simone Farello
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Taryn Donath Quartet apre la stagione del Macall? di Castelceriolo
Taryn Donath Quartet apre la stagione del Macall? di Castelceriolo
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Antonio Albanese il prossimo 13 dicembre 2018 al Palatenda Alegas con "Personaggi"
Antonio Albanese il prossimo 13 dicembre 2018 al Palatenda Alegas con "Personaggi"
DIRTY DANCING FA SOGNARE LA PROVINCIA!! SOGNA INSIEME A NOI SABATO 8 DICEMBRE AD ALESSANDRIA
DIRTY DANCING FA SOGNARE LA PROVINCIA!! SOGNA INSIEME A NOI SABATO 8 DICEMBRE AD ALESSANDRIA
 Dirty Dancing- il musical, nella sua edizione speciale per i 30 anni dall'uscita del film
Dirty Dancing- il musical, nella sua edizione speciale per i 30 anni dall'uscita del film
-->