Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

Sospesa l'autorizzazione alle cave del Terzo Valico

La giunta di Alessandria ha approvato una delibera con cui sospende l'inserimento dei siti Bolla, Guarasca, Clara e Buona nel piano cave del Terzo Valico dopo che Arpa ha messo in discussione la validità dei metodi di rilevazione della presenza di amianto nelle terre da scavo. Il comune procederà al ripristino manutentivo di via Genova e di via Stortigliona in frazione Spinetta Marengo, con finanziamenti propri e al di fuori del procedimento relativo alle cave
ALESSANDRIA – Il sindaco Rita Rossa lo aveva anticipato nella riunione organizzata in Prefettura dopo il sopralluogo della commissione Lavori Pubblici. E oggi la giunta comunale di Alessandria ha approvato la delibera con la quale ha sospeso l'autorizzazione all'inserimento dei siti Bolla, Guarasca, Clara e Buona nel piano cave del Terzo Valico (Deliberazioni di Giunta Comunale n. 107 e n. 114 del 22 aprile 2015).
Poichè Arpa Piemonte, nell’incontro del 5 novembre con l’Osservatorio Ambientale del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, ha messo in discussione la validità dei termini del Decreto Ministeriale n. 161/2012 sui metodi di rilevazione della presenza di amianto — che mai prima aveva ufficializzato — e nonostante gli scavi fino ad oggi realizzati sul versante piemontese non abbiano fatto emergere tracce amiantifere, la Giunta Comunale ha comunque ritenuto di procedere al provvedimento oggi approvato.
Le due Deliberazioni del 22 aprile 2015, oggi sospese, autorizzavano l’inserimento dei siti del Comune di Alessandria — ossia le cave “Bolla”, “Guarasca” 1 e 2, “Clara e Buona” ubicate nell’area di Spinetta Marengo — tra i siti di deposito del materiale proveniente dal primo lotto di lavori del “Terzo Valico dei Giovi” e si dava mandato alla Società A.R.Al. di Alessandria di addivenire alle intese necessarie con il Cociv per una giusta soluzione al contenzioso in atto relativo alla gestione del sito di cava “Guarasca 2” .

“A seguito delle risultanze in corso da parte dell’Osservatorio Ambientale del Terzo Valico — ha dichiarato il Sindaco di Alessandria, Maria Rita Rossa — l’Amministrazione Comunale ha deciso di sospendere i procedimenti e negare la possibilità di conferire le terre e le rocce da scavo delle lavorazioni presso le nostre cave”.
“Spiace aver dovuto assistere ad una situazione di incertezza latente in merito alle richieste che il Comune, fin da subito, ha avanzato in tutte le sedi sul tema. Mi auguro che questa decisione consenta di accelerare i tempi di una risposta definitiva in un senso o nell’altro, ma non intendo continuare a subire, o far subire ai Cittadini di Alessandria, l’inefficacia o l’inattività di chi dovrebbe assicurare gli aspetti relativi al controllo e alla salvaguardia ambientale”.
“Colgo l’occasione per ribadire che la Giunta Comunale ha anche deciso di procedere al ripristino manutentivo di via Genova e di via Stortigliona in frazione Spinetta Marengo, con finanziamenti propri e al di fuori del procedimento relativo alle cave, con buona pace di chi sosteneva senza ragione nè motivo che avessimo subordinato la salute pubblica alla realizzazione di opere compensative”.
11/11/2015
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Arti tra le mani
Arti tra le mani
Chaves legge Dante
Chaves legge Dante
L'ultimo video di Andrea
L'ultimo video di Andrea
Incendio a Mandrogne
Incendio a Mandrogne
Sentiero 748: il percorso ad anello sulle cime di Mombello
Sentiero 748: il percorso ad anello sulle cime di Mombello
Sentiero 735: il giro dei colli di Conzano
Sentiero 735: il giro dei colli di Conzano
-->