Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Economia e Lavoro

2013: un anno negativo per le imprese

Pubblicati i dati di natalità e mortalità delle imprese registrate presso la Camera di Commercio. Coscia: “Alessandria è stata la provincia piemontese con il tasso di crescita delle imprese più basso ma fortunatamente si mantiene in prima linea sul commercio estero”
PROVINCIA - Nonostante qualche segnale positivo per il futuro, le rilevazioni di fine anno confermano che il 2013 è stato molto duro per l’economia alessandrina. In provincia, infatti, sono nate 2.726 nuove imprese e ne sono cessate 3.469. Il saldo fra iscrizioni e cessazioni è pertanto negativo: -743 (lo scorso anno il saldo era -358), dato che porta a 45.096 lo stock di imprese registrate a fine 2013. Il bilancio tra nuove iscrizioni e cessazioni si concretizza in un tasso di crescita rispetto all’anno precedente di -1,61%; il tasso di crescita piemontese è -0,54% e quello nazionale +0,21%.

“Alessandria è stata la provincia piemontese con il tasso di crescita delle imprese più basso - osserva Gian Paolo Coscia, presidente della Camera di Commercio di Alessandria - Tuttavia, i dati richiedono un commento: tutte le province piemontesi hanno registrato dati negativi, fatta eccezione per Novara. Il dato di Novara è però +0,25%, praticamente crescita zero. A livello nazionale, poi, più della metà delle province italiane registra tassi di crescita negativi, e un terzo ha una crescita fra zero e uno per cento. Sono soltanto dieci le province italiane con un tasso di crescita superiore all’uno per cento (il massimo è il 2,84% di Isernia). Questo per dire che è il sistema Italia in difficoltà, e poca differenza fanno i meno e i più quando le cifre sono veramente modeste. La situazione nazionale è imputabile alla crisi in atto da anni, e dovremo ancora attendere per valutare la ripresa. Peraltro, occorre sottolineare che se le aziende chiudono, soprattutto imprese individuali e di persone, crescono le società di capitali, quelle più dedite all’export perché tendenzialmente più strutturate, e fortunatamente Alessandria si mantiene in prima linea sul commercio estero. Certo l’export non basta, occorre una crescita della domanda interna per tornare a veder nascere nuove imprese. Le Camere di Commercio fanno da sempre la propria parte al fianco delle aziende e delle rappresentanze imprenditoriali. Mi auguro che inizi al più presto quello di cui il Paese ha bisogno: una decisa semplificazione per la vita delle aziende e l’avvio di politiche di ampio respiro”.

Dall’analisi per classe di natura giuridica rispetto al 2012, emerge come siano soprattutto le imprese individuali a subire diminuzioni in numero, con un tasso di crescita di -3,11%, seguite dalle società di persone, con -0,79%. Tassi di crescita positivi, invece, per le società di capitale (+1,15%). Questi dati, analoghi al quadro regionale e nazionale, vanno letti tenendo presente che imprese individuali e società di persone rappresentano l’81% delle imprese della provincia di Alessandria, mentre le società di capitali rappresentano il 17%. Le classi “Altre forme” e “Persona fisica” registrano tassi di crescita positivi, +2,28% e +2.700%. Per entrambe, tuttavia, è necessario sottolinearne la bassa incidenza numerica complessiva (2,3%) sul totale delle imprese alessandrine e la peculiarità delle posizioni registrate in “persona fisica”.

Dall’analisi dei dati per settore rispetto al 2012 si osserva una diffusa negatività, fatta eccezione per le imprese non classificate. L’agricoltura, settore che rappresenta il 20% delle imprese provinciali, registra il saldo più negativo: -8,24%, a fronte di 176 nuove iscrizioni e 989 cessazioni d’impresa. Anche a livello regionale l’agricoltura è il settore più sofferente (-4,46%). Ciò è attribuibile anche al fatto che, in provincia di Alessandria, il 98% delle imprese agricole è composto da imprese individuali (92%) e società di persone (6%), e come abbiamo visto sono queste imprese ad aver sofferto di più. Infatti, il settore meno sofferente è quello delle imprese non classificate, che contiene la percentuale più bassa di imprese indivi- duali e società di persone: il 53%. Le “imprese non classificate”, specificamente, registrano +45,12% (880 iscrizioni con-tro 121 cessazioni); ottima performance, ma da considerare in relazione con la bassa incidenza numerica di questo settore (rappresenta il 4% della totalità delle imprese, il gruppo meno consistente).
31/01/2014
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Il gioiello di Cerreto
Il gioiello di Cerreto
Intervista a Marco Lodola e Giovanna Fra all'inaugurazione della loro mostra "Se Stasera Siamo Qui"
Intervista a Marco Lodola e Giovanna Fra all'inaugurazione della loro mostra "Se Stasera Siamo Qui"
Red Ronnie alla presentazione della mostra di Marco Lodola e Giovanna Fra
Red Ronnie alla presentazione della mostra di Marco Lodola e Giovanna Fra
Villalvernia ricorda le bombe
Villalvernia ricorda le bombe
L’originale Consorzio "Gli Ambulanti di Forte dei Marmi" a Tortona domenica 3 dicembre
L’originale Consorzio "Gli Ambulanti di Forte dei Marmi" a Tortona domenica 3 dicembre
Tony Coleman & Henry Carpaneto 5tet al Cinema Teatro Macallè  "Movie Blues"
Tony Coleman & Henry Carpaneto 5tet al Cinema Teatro Macallè "Movie Blues"
-->