Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Sanità

I sindaci si astengono sull'operato di Marforio e Giorgione

Nella votazione dell'assemblea dei sindaci sulla raggiungimento degli obiettivi gestionali fissati dalla Regione per il 2012 prevale il partito dall'astensione. "Un messaggio alla Regione - dicono - non una valutazione sul lavoro dei due direttori"
PROVINCIA - Nessun premio di produzione né a Paolo Marforio, direttore generale Asl Al, né a Nicola Giorgione, direttore generale Aso di Alessandria. È questo l’esito dell’assemblea dei sindaci svoltasi ieri pomeriggio presso l’associazione Cultura e Sviluppo. A prevalere più che i voti contrari all’operato dei due dirigenti è stato il partito degli astensionisti, una decisione presa da molti primi cittadini che vuole essere un segnale alla Regione. Il voto infatti non esprime una bocciatura a quanto fatto da Giorgione e Marforio, hanno sottolineato molti sindaci nelle loro dichiarazioni di voto, ma un messaggio indirizzato a Palazzo Lascaris e alla sua politica sanitaria.
Va sottolineato inoltre che l’esito della votazione in realtà non ha dato nessun risultato, essendo stata in entrambi i casi non valida. Per il meccanismo dell’assemblea infatti si devono raggiungere i due terzi del totale di voti per una delle opzioni perché possa considerarsi valida. Così le due votazioni sul raggiungimento degli obiettivi gestionali fissati dalla Regione per il 2012 (risultato a cui consegue il premio di produzione ai due direttori) non hanno espresso un esito.
Un buco nell’acqua dunque, che ha rischiato di essere ancora più fondo vista la scarsa presenza delle fasce tricolori (ce ne erano una cinquantina su 199) che ha fatto temere fino all’ultimo di non riuscire a raggiungere il numero legale.

Intanto poco prima che iniziasse l'incontro fra i sindaci di fronte al piazzale di Cultura e Sviluppo, ospite dell'assemblea, è andata in scena una nuova provocazione di Salvatore Di Carmelo, prima voce del comitato in difesa dell'ex Ospedale Mauriziano di Valenza. Di Carmelo, ricoperto di bende e accompagnato da cartelli, ha spiegato agli altri sindaci e a chi si è fermato incuriosito: "solo con gesti del genere si riesce evidentemente ad attirare l'attenzione su quanto sta succedendo per la sanità provinciale. Mentre si discute di premi di produttività per i dirigenti la sanità chiude via via i presidi con tutte le conseguenze del caso per i cittadini. L'Asl smentisce la chiusura dal primo luglio del punto di primo intervento di Valenza, ma già sappiamo che la stessa avverrà ad agosto, o al massimo entro fine anno. Tutto ciò è inaccettabile. Tanto vale imparare a curarsi da soli".
27/06/2013
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Il gioiello di Cerreto
Il gioiello di Cerreto
Intervista a Marco Lodola e Giovanna Fra all'inaugurazione della loro mostra "Se Stasera Siamo Qui"
Intervista a Marco Lodola e Giovanna Fra all'inaugurazione della loro mostra "Se Stasera Siamo Qui"
Red Ronnie alla presentazione della mostra di Marco Lodola e Giovanna Fra
Red Ronnie alla presentazione della mostra di Marco Lodola e Giovanna Fra
Villalvernia ricorda le bombe
Villalvernia ricorda le bombe
L’originale Consorzio "Gli Ambulanti di Forte dei Marmi" a Tortona domenica 3 dicembre
L’originale Consorzio "Gli Ambulanti di Forte dei Marmi" a Tortona domenica 3 dicembre
Tony Coleman & Henry Carpaneto 5tet al Cinema Teatro Macallè  "Movie Blues"
Tony Coleman & Henry Carpaneto 5tet al Cinema Teatro Macallè "Movie Blues"
-->