Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Provincia

Rotonda a Castelceriolo per una maggiore sicurezza stradale

Minore pericolosità delle manovre e possibilità di svolta in tutte le direzioni. Costruita anche una pista ciclopedonale in modo che i ciclisti possano agevolmente vedere i veicoli in arrivo dalla direzione opposta
ALESSANDRIA - La Provincia nell’ambito di un’analisi dell’incidentalità sulla propria rete stradale ha individuato i punti a più elevata incidentalità, i più critici lungo le strade e i possibili interventi di tipo infrastrutturale o di segnaletica da attuare. Un “punto nero” della rete stradale provinciale “storica”, per la quale si è tra l’altro registrato negli ultimi anni un aumento dei tassi di incidentalità, era proprio l’intersezione delle due strade provinciali n° 82 Spinetta – Sale e n° 248 di Marengo in un tratto extraurbano in corrispondenza della frazione Castelceriolo del Comune di Alessandria. In quel punto (intersezione a Y) si è concentrata, dai dati rilevati dalla Polizia circa il 20% dell’incidentalità dei due tronchi stradali citati. La S.P. N° 248 di Marengo parte dalla S.P. N° 10 Padana Inferiore in corrispondenza del castello di Marengo e termina all’intersezione con la S.P. N° 82 in località Castelceriolo., per una lunghezza complessiva di 2860 m. L’intero sviluppo territoriale è nel comune di Alessandria. La S.P. n° 82 Spinetta – Sale parte dalla S.P n° 10 Padana Inferiore in corrispondenza dell’abitato di Spinetta Marengo e termina all’intersezione con la S.P. n° 211 della Lomellina in comune di Sale, per una lunghezza complessiva di 17.052 m. I comuni attraversati sono Alessandria, Piovera, Alluvioni Cambiò e Sale.

Il documento di analisi dell’incidentalità redatto dalla Provincia ogni anno rileva che la S.P. N° 248 e la S.P. n° 82 risultano rispettivamente al 1° e al 2° posto della graduatoria delle strade più incidentate della provincia, rispettivamente con 0,435 e 0,402 incidenti ogni milione di veicoli transitanti al km e la maggior criticità si ha proprio in quella intersezione. A seguito di questa analisi si è deciso di partecipare ad un bando di gara del Piano Nazionale della Sicurezza Stradale proponendo la realizzazione di una rotatoria, considerata dagli uffici di progettazione della Provincia, la soluzione più efficace per l’abbattimento del tasso di incidentalità in quel luogo.

La rotatoria consentirà un sensibile miglioramento della sicurezza grazie alla riduzione dei punti di conflitto ed alla minore pericolosità delle manovre e la possibilità di svolta in tutte le direzioni (non possibile per la soluzione attuale). La costruzione della rotatoria ha altresì previsto il rifacimento del sistema di raccolta e scolo delle acque meteoriche, la sistemazione a verde dell’isola centrale, la posa di barriere metalliche di sicurezza e l’installazione al centro dell’isola centrale di una torre faro con lampade Sap. Sempre associata alla realizzazione della rotatoria, in ragione della scarsa sicurezza che queste offrono all’utenza ciclabile in quanto la manovra di uscita dei mezzi dalla corona giratoria può interferire con la traiettoria dei ciclisti in un punto di scarsa visibilità per l’automobilista, è stata costruita una pista ciclopedonale in modo che i ciclisti, durante la manovra, possano agevolmente vedere i veicoli in arrivo dalla direzione opposta.

L’assessore provinciale Graziano Moro dichiara: “Ci si attende una sensibile riduzione dell’incidentalità in quel punto stradale ossia una riduzione del 100% del numero di incidenti mortali nell’intersezione e una diminuzione del 75% del costo sociale medio annuo attuale in corrispondenza dell’intersezione. Ci si attende anche una diminuzione generale dell’incidentalità (almeno il 30%) sulle strade che insistono sulla rotatoria, in funzione dell’opera di calmiere del traffico fornita dalla rotonda stessa”. Continua l’assessore Moro: “Al fine di migliorare ulteriormente la sicurezza per il raggiungimento degli obiettivi suesposti in accordo con il Comune di Alessandria e con il comitato di circoscrizione di Castelceriolo si è deciso di ricondizionare l’impianto semaforico e l’incrocio tra la Sp 82 e la via San Giuliano Nuovo in frazione di Castelceriolo. I lavori consistono nell’installazione di nuove lanterne semaforiche a Led e la trasformazione della semaforizzazione da tempo fisso a fasi intelligenti attuate su via San Giuliano Nuovo a mezzo tecnologia a microprocessore”.

La progettazione e direzione lavori dell’intervento è stata effettuata dall’Ufficio Progetti Opere, utilizzando ed in particolare dal suo responsabile Massimo Robiola mentre responsabile del procedimento è Paolo Platania, dirigente responsabile della direzione viabilità. L’opera finanziata dal Pssn per 157.000 euro è costata 302.529,39 euro ed è stata realizzata dall’impresa Portalupi Spa di Ticineto. L’incrocio semaforizzato è stato studiato dal tecnico di automazione della Provincia Maurizio Alternin ed avrà un costo di 23.847 euro, i lavori dell’incrocio sono stati affidati all’impresa Scae Spa e inizieranno entro la fine di aprile.
30/04/2013
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Maurizio Vandelli in concerto al Festival Contro 2018
Maurizio Vandelli in concerto al Festival Contro 2018
Cristiano De Andr? apre il Festival contro 2018 a Castagnole Lanze
Cristiano De Andr? apre il Festival contro 2018 a Castagnole Lanze
Inaugurazione nuovo show-room Citro?n Grandi Auto
Inaugurazione nuovo show-room Citro?n Grandi Auto
Biodigestore Carentino: il presidio contro il progetto durante la Conferenza dei Servizi
Biodigestore Carentino: il presidio contro il progetto durante la Conferenza dei Servizi
Pattinaggio artistico Aurora
Pattinaggio artistico Aurora
Maurizio Vandelli a Castagnole Lanze per Festival Contro 2018
Maurizio Vandelli a Castagnole Lanze per Festival Contro 2018
-->