Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Provincia

Anche quest'anno al 'Circuito Molinese' si corre contro il doping

Si terrà il prossimo 6 ottobre a Molino dei Torti l’86.a edizione del “Circuito Molinese”, storica gara dilettantistica di ciclismo, che per il quinto anno consecutivo aderirà alla proposta di Maglia Etica Antidoping
PROVINCIA - Si terrà sabato 6 a Molino dei Torti l’86^ edizione del “Circuito Molinese”, storica gara dilettantistica di ciclismo, che per il quinto anno consecutivo aderirà alla proposta di Maglia Etica Antidoping. L’iniziativa ha quest’anno un testimonial d’eccezione: Franco Balmamion, maglia rosa vincente nel 1962 e 1963, unico corridore piemontese capace di conquistare il Giro d’Italia dopo l’ineguagliabile Fausto Coppi. È stato lui, nella conferenza stampa di presentazione che si è tenuta ad Alessandria alla Fondazione CRAL, a sottolineare che a dare forza allo sportivo devono essere correttezza, pazienza e abnegazione e non la voglia di affermarsi ad ogni costo e con qualunque mezzo.  

Presente alla conferenza stampa anche Renato Balduzzi, che da Ministro della salute incoraggiò lo sviluppo del network di Maglia Etica, nato nel 2012 come rete di promozione dell’estraneità degli atleti al ricorso a farmaci illeciti (e, più in generale, a pratiche mediche illecite) per migliorare le proprie prestazioni sportive. “Allora, Maglia Etica – ha ricordato Balduzzi – raccolse a livello nazionale il sostegno del Ministero della salute e del Coni. Oggi, il suo legame con un appuntamento locale come quello di Molino riceve il plauso corale da parte di tutte le istituzioni del territorio”. Parole confermate dalla partecipazione di un parterre di autorità che raramente lo sport alessandrino ha saputo riunire allo stesso tavolo: Pierangelo Taverna, presidente della Fondazione CRAL; Raffaele Ricciardi, viceprefetto di Alessandria; Gianfranco Baldi, presidente della Provincia di Alessandria; Guido Gallese, Vescovo di Alessandria; Tiziano Masini, procuratore della Repubblica f.f. presso il Tribunale di Alessandria; Biagio Carillo, comandante Nas per le province di Alessandria, Asti e Cuneo; Antonio Brambilla, direttore generale Aslal; Gianluca Bardone, sindaco di Tortona; Stefano Gabriele, assessore allo sport di Novi Ligure; Anna Fantato, sindaco di Molino dei Torti; Bruna Balossino, delegata provinciale Coni; Michele Morelli, questore di Alessandria; Michele Lorusso, comandante provinciale Arma dei Carabinieri; Rosario Amato, comandante provinciale della Guardia di Finanza; Andrea Pistone, sindaco di Sale; Gianfranco Ludovici, sindaco di Basaluzzo. 

Quello di Maglia Etica non è un impegno facile. Da un lato, il progetto ha registrato un convinto consenso da parte degli atleti stessi, soprattutto nelle categorie giovanili, nonché da parte di genitori e docenti, la cui adesione esprime il bisogno diffuso di ritrovare nello sport un ambiente sano, popolato di persone serie che favoriscano la crescita e lo sviluppo della personalità dei giovani e, in tal senso, complementare allo studio e alla formazione di competenze. D’altro canto, recenti e ricorrenti vicende, anche tragiche, di ragazzini dopati (Messina, Lucca), evidenziano le difficoltà incontrate nel far accettare la proposta di Maglia Etica a una parte dei tecnici e degli organizzatori di gare: risposte evasive, timori di vedere meno atleti al via della propria competizione, negazione insistita dell’evidenza per cui uno sport più credibile può rilanciare le sponsorizzazioni in discipline ora abbandonate dai brand. 

“Nel nostro Paese – hanno ricordato i fondatori di Maglia Etica, Maurizio Marchetti, ex-corridore ciclista professionista, e Fabio Provera, giornalista sportivo – è ancora troppo diffusa l’accettazione del doping come male necessario con cui convivere, considerato come un generatore di facile ricchezza e non percepito nella sua realtà di veicolo di pericoli gravissimi sia per il bene primario della salute del giovane atleta, sia per il tessuto morale dell’attività sportiva”. 

La gara molinese, riservata ai dilettanti “Elite” Under 23, prenderà avvio alle 14. Si attende la presenza di molti dei sindaci e degli amministratori della bassa Valle Scrivia, oltre che degli altri comuni intervenuti alla conferenza stampa. Confermata anche quest’anno la presenza di un corner informativo dei Nas di Alessandria-Asti-Cuneo, che fornirà informazioni sull’attività del Comando dei Carabinieri a tutela della salute nella pratica sportiva.
2/10/2018
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus