Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Economia

'Gardaland dell'Oltrepo' a un passo da Tortona?

Il progetto che interesserebbe un'area da tre milioni di metri quadrati in un'area compresa fra Pontecurone, Casalnoceto e Rivanazzano inizia a fare discutere in provincia di Pavia...
ECONOMIA – Un parco divertimenti di quasi tre milioni di metri quadrati (per dare un'idea Gardaland si sviluppa su circa seicentomila metri quadrati, mentre per Disneyland Parigi l'area è di oltre 550.000 metri quadrati) fra la provincia di Alessandria e quella di Pavia, per la precisione fra il Tortonese e l'Oltrepo? Non è l'ennesima variante dell'idea di Marengoland partorita decenni fa da Romano Anfossi e nemmeno una certezza futura. Ma qualcosa, al momento, sembra esistere davvero, non fosse che solo un'idea, visto che non sono mancati contatti e abboccamenti nell'area che va da Pontecurone, Casalnoceto e Rivanazzano, i primi due in provincia di Alessandria e il terzo in quella di Pavia. Le bocche cucite non mancano, anche perché il progetto parla di uno sviluppo di proporzioni enormi con le conseguenti ricadute sul territorio, però quella che era rimasta una chiacchiera si è progressivamente trasformata in qualcosa in più. Alcune testate giornalistiche dell'Oltrepo, compresa la Provincia Pavese, stanno parlando esplicitamente di contatti avviati con amministratori locali e proprietari delle numerose aziende agricole della zona da parte di rappresentanti di una società milanese (cui farebbe capo un cordata di investitori tedeschi) per iniziare a valutare l'impatto e le prospettive reali di investimento. Non mancano anche le ipotesi sugli interventi infrastrutturali necessari, quasi tutti da realizzare sull'area lombarda fra Rivanazzano e Voghera.

A chi intessa un investimento da centinaia di milioni di euro in una zona ad elevata vocazione agricola e che presuppone esborsi significativi per i terreni? Senza contare, come rileva un articolo della Provincia Pavese, che su questa vasta area sono presenti cascine storiche che potrebbero essere inglobate nel parco divertimenti e trasformate in strutture di accoglienza. Insomma, un progetto ancora più ambizioso che potrebbe fare impallidire Gardaland. Ma, appunto, chi è pronto a mettere capitali enormi per un polo destinato a soffrire i rigori invernali e le nebbie tipiche dell'Oltrepo e restare fruibile con attrazioni all'aperto solo per alcuni mesi all'anno? Rispondendo a questa domanda sarà possibile capire se la 'Gardaland dell'Oltrepo' è una mezza (o intera) bufala oppure se c'è un elemento verosimile. 
12/05/2017
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Gino Paoli omaggia Luigi Tenco all'Isola In Collina 2017 di Ricaldone
Gino Paoli omaggia Luigi Tenco all'Isola In Collina 2017 di Ricaldone
Intervista al leader dei Marlene Kuntz Cristiano Godano all'Isola in Collina, Ricaldone 2017
Intervista al leader dei Marlene Kuntz Cristiano Godano all'Isola in Collina, Ricaldone 2017
Inaugurato il nuovo stabilimento Gualapack in Ucraina: produrrà imballaggi dedicati ad alimenti per l'infanzia
Inaugurato il nuovo stabilimento Gualapack in Ucraina: produrrà imballaggi dedicati ad alimenti per l'infanzia
I ragazzi di Cascina Saetta
I ragazzi di Cascina Saetta
Gino Paoli omaggia Luigi Tenco all'Isola in Collina 2017 a Ricaldone
Gino Paoli omaggia Luigi Tenco all'Isola in Collina 2017 a Ricaldone
I Marlene Kuntz aprono l'Isola in Collina 2017 a Ricaldone
I Marlene Kuntz aprono l'Isola in Collina 2017 a Ricaldone