Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Politica

Agricoltura, problemi comuni. Ma, da Martina, ognuno per sé

Cia e Confagricoltura da un lato, Coldiretti dall'altro per consegnare a Maurizio Martina, ministro delle Politiche agricole, due documenti con richieste di interventi su alcuni dei maggiori problemi aperti nel settore primario
POLITICA – Organizzazioni degli agricoltori ancora separate in casa nonostante i problemi siano uguali per per tutti. I danni da fauna selvatica e maltempo, le alluvioni, la necessità di trasparenza delle etichette, sono gli stessi per un iscritto a Coldiretti, Confederazione italiana agricoltori, Confagricoltura. Eppure anche in occasione dell'incontro con Maurizio Martina, ministro delle Politiche agricole (primo a destra nella foto), organizzato a margine dell'iniziativa elettorale a sostegno di Rita Rossa, sindaco uscente e ricandidato, le tre associazioni si sono presentate divise. Coldiretti ha consegnato a Martina un documento in cui sono avanzate alcune richieste, precedute da alcune considerazioni che partono dalla necessità di “distinguere chi la terra la usa come impresa e vive di quel reddito rispetto ad altre realtà, a tutti gli effetti siamo una forza sociale con la dimensione e la storia giuste per parlare all’opinione pubblica di agricoltura inteso come settore da non relegare a semplice attività economica in quanto è anche territorio, paesaggio, cultura, socialità, qualità della vita, sicurezza alimentare e ambiente: valori materiali e immateriali. Noi – afferma Roberto Paravidino, presidente provinciale Coldiretti - ci impegniamo per la tutela della qualità e tipicità dell’agroalimentare con un sistema burocratico alleggerito e semplificato confermando la scelta 'no ogm' a tutela delle nostre imprese agricole. Altro bene comune sono la scuola e l’istruzione: dobbiamo far passare fin da piccoli i concetti della sana alimentazione, dieta mediterranea, prodotto italiano”. Il documento chiede risposte urgenti su trasparenza in etichetta per il comparto cerealicolo, dal grano duro al frumento tenero e il riso avviando una riforma dell’Ente Risi; sostegno e aiuto concreto alle aziende colpite dagli eventi alluvionali dello scorso novembre; risposte rapide e decontribuzione per le gelate delle scorse settimane; sburocratizzare e sbloccare al più presto il pagamento delle assicurazioni; voucher in agricoltura: serve urgentemente un nuovo strumento alternativo; danni da fauna selvatica: è allarme su tutto il territorio provinciale; agricoltura e giovani:sostegno alla nuova imprenditorialità".

Confederazione italiana agricoltori (Cia) e Confagricoltura di Alessandria, guidate dai presidenti Gian Piero Ameglio e Luca Brondelli di Brondello, hanno anch'esse consegnato una lettera al ministro Martina, ma prima hanno voluto ribadire come “l’agricoltura locale sta attraversando un momento difficile: si vedano le questioni riguardanti le gelate primaverili, l’alluvione di novembre scorso, ma anche i danni da fauna selvatica e la crisi del comparto risicolo. A questi si aggiungono questioni comuni a tutto il Paese, quali le procedure insostenibili per assicurazioni contro le avversità e la domanda grafica Pac (Politica agricola comunitaria)”. I punti critici segnalati vanno dai danni alluvionali ai danni da fauna selvatica, dagli interventi compensativi per le gelate del mese di aprile 2017 alle gravi carenze nelle procedure informatiche riguardanti la domanda grafica Pac, fino alle procedure “insostenibili per le assicurazioni agevolate sulle avversità atmosferiche”. E non sono mancati i riferimenti al grano piuttosto che al riso. In particolare rispetto al comparto risicolo si parla di “drammatica situazione” in cui il “vortice dei prezzi sembra non avere fine: si sono toccati i 20 euro al quintale che coprono appena il 50 per cento dei costi di produzione. Le aziende agricole sono in balia del mercato perché hanno la necessità di vendere il prodotto per liberare i magazzini e far fronte alle esigenze di liquidità. Occorre dare delle risposte. Non serve fare polemiche, ma è opportuno lavorare per trovare una soluzione comune che dia segnali già in questa campagna. Si apprezza l'impegno del Ministro per portare avanti sia la clausola di salvaguardia sia l'impegno sull’etichettatura. Per quanto riguarda l'etichettatura occorrerà porre attenzione a come sarà concretizzata per dare l'assoluta chiarezza al consumatore sulla reale provenienza del prodotto. Il provvedimento però potrà fornire efficaci risultati in tempi lunghi. Nell’immediato è necessario trovare unitariamente altre soluzioni che permettano di salvaguardare le aziende”.
Ascoltate le ragioni degli agricoltori, Maurizio Martina ha risposto che “il governo sta lavorando su tutti i fronti, con una particolare attenzione per la questione etichettatura del grano e del riso”. Poi dopo le foto di rito, ha iniziato l'incontro elettorale.
19/05/2017
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



 Bonus mamma, bebè e permessi: ecco tutte le novità
Bonus mamma, bebè e permessi: ecco tutte le novità
Gig Economy: in Provincia 1000 profili attivi. Per lo più donne
Gig Economy: in Provincia 1000 profili attivi. Per lo più donne
Gig Economy e sindacato: la posizione della Uil
Gig Economy e sindacato: la posizione della Uil
Manifestazione dei comitati della Val Bormida e del Movimento No Tav-Terzo Valico
Manifestazione dei comitati della Val Bormida e del Movimento No Tav-Terzo Valico
Il Giro d'Italia arriva a Tortona. Trionfo di Gaviria
Il Giro d'Italia arriva a Tortona. Trionfo di Gaviria
"Gli Ambulanti di Forte dei Marmi" ad Alessandria domenica 9 aprile
"Gli Ambulanti di Forte dei Marmi" ad Alessandria domenica 9 aprile