Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Tortona

Beppe Gambetta canta De Andrè in “Profumo di mare e maggiorana”

Mercoledì 5 novembre al Teatro Civico lo spettacolo di musica e racconti nato da un incontro tra Beppe Gambetta e Fabrizio De Andrè avvenuto a Genova nel 1994
TORTONA – Una proposta di teatro-musica con Gli Amici della Musica di Tortona questa sera, mercoledì 5 dicembre alle 21,15, al Teatro Civico (via Ammiraglio Mirabello): Beppe Gambetta in concerto (chitarra e voce) con Profumo di mare e maggiorana (udou de maa e de persa legia), poesia e metafora del cibo nelle canzoni di Fabrizio de André.

L'energia di questo spettacolo di musica e racconti nasce da un incontro tra Beppe Gambetta e Fabrizio De Andrè avvenuto a Genova nel 1994. Gambetta ha appena firmato un contratto discografico con l'etichetta americana Green Linnett e per il debutto americano decide di incidere Creuza de Ma in una versione acustica che poi risulterà la prima cover storica della canzone, ma per farlo vuole la “benedizione” di De André. Prende il coraggio a quattro mani e va ad incontrare Faber nel “backstage” del Teatro Margherita per consegnargli il demo della sua versione. La risposta arriva dopo qualche tempo ed è lusinghiera: “la cover mi piace molto, incidila pure, ma stai attento, gli americani proveranno a censurare le mie parole indecenti che invece vanno lasciate perchè fanno parte della poesia del testo”. Dopo quell'incontro la rielaborazione della musica di Fabrizio De Andrè sarà spesso presente nel repertorio di Beppe Gambetta accanto alle sue composizioni creative, ai progetti di ricerca e revival sulla chitarra popolare e alle collaborazioni internazionali. In particolare, nei programmi dei tour americani Beppe inserirà sempre l'arrangiamento acustico di un brano di De Andrè per divulgare tra gli appassionati di roots music l'opera del grande cantautore genovese.

Il programma Odore di mare misto a maggiorana leggera nasce assemblando quasi per gioco i testi di Fabrizio che parlano di cibo durante una breve apparizione dedicata ai cibi di Liguria nell'ambito dell'Expo 2015 di Milano. Il punto di partenza è il testo di “A Cimma”,ode alla poesia nella gestualità, nelle formule magiche, nei profumi e nei segreti delle erbe selvatiche del cibo tradizionale ligure. Inoltrandosi poi nell'opera di De Andrè, Gambetta costruisce un percorso in cui il cibo acquista significati diversi, storici e metaforici. Si va dai profumi delle osterie della città vecchia, al brodo di farro dei galeotti (Sinan Capudan Pascia'), ai gatti mangiati per fame durante l'assedio di Genova (Creuza de Ma'). Si canta anche di cibo in senso biblico (Il Pescatore), oppure erotico (Jamin-a), e, in canzoni diverse, si trovano tante altre metafore, come quella della vecchiaia che ti pesta nel mortaio o la critica al capitalismo nel menu in tedesco “maccheronico” del finale di “Ottocento”. Il percorso dello spettacolo si arricchisce strada facendo di significati importanti perchè molte delle canzoni scelte raccontano la genialità di Fabrizio nell'uso e riscoperta di ritmi e strumenti tradizionali italiani e mediterranei e gli aneddoti ritrovati negli archivi narrano dello speciale rapporto di De Andrè con la sua terra, la sua storia e le sue tradizioni.

Beppe Gambetta aggiunge allo spettacolo un'impronta personale, determinante, firmando arrangiamenti creativi ed aggiungendo alcuni brani acustici tradizionali e di composizione ad arricchire la scaletta. Un ingrediente molto importante è la sua straordinaria capacità di comunicatore che sa condurre la narrazione di un tema così profondo con ironia e leggerezza. La dimensione di “Teatro Musica” dello spettacolo è suggellata dagli straordinari quadri di scena dell'artista Sergio Bianco. I quadri sono retroproiettati e sottolineano il significato di ogni canzone eseguita. Beppe Gambetta si esibisce con le sue chitarre e con il contrabbassista jazz Riccardo Barbera.
5/12/2018
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Taryn Donath Quartet apre la stagione del Macall? di Castelceriolo
Taryn Donath Quartet apre la stagione del Macall? di Castelceriolo
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Antonio Albanese il prossimo 13 dicembre 2018 al Palatenda Alegas con "Personaggi"
Antonio Albanese il prossimo 13 dicembre 2018 al Palatenda Alegas con "Personaggi"
DIRTY DANCING FA SOGNARE LA PROVINCIA!! SOGNA INSIEME A NOI SABATO 8 DICEMBRE AD ALESSANDRIA
DIRTY DANCING FA SOGNARE LA PROVINCIA!! SOGNA INSIEME A NOI SABATO 8 DICEMBRE AD ALESSANDRIA
 Dirty Dancing- il musical, nella sua edizione speciale per i 30 anni dall'uscita del film
Dirty Dancing- il musical, nella sua edizione speciale per i 30 anni dall'uscita del film
-->