Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Lavoro

Con la NaSpI si può cercare lavoro all’estero?

Il disoccupato che riceve la NaSpI in un Paese Ue, Islanda, Liechtenstein, Norvegia, Paesi See e Svizzera (compresi quelli non comunitari convenzionati con l’Italia in materia di disoccupazione per l’esportabilità della prestazione), dovrà iscriversi come “persona in cerca di lavoro” presso gli uffici preposti nello Stato ospitante
LAVORO - Molte persone che hanno perso il lavoro in Italia, percependo l’indennità di disoccupazione erogata dall’Inps (NaSpI), decidono di tentare la ricerca di una nuova occupazione all’estero. La normativa comunitaria permette di continuare a usufruire dell’indennità di disoccupazione anche se si va all’estero ma è necessario conoscere bene quali sono gli adempimenti da fare prima di espatriare perché il rischio è di rimanere senza sussidio economico.

La NaSpI (Nuova assicurazione Sociale per l’Impiego) è l’indennità di disoccupazione erogata attualmente in Italia per un periodo pari alla metà delle settimane di contribuzione degli ultimi quattro anni antecedenti alla fine del rapporto di lavoro. Ne beneficia il lavoratore dipendente involontariamente disoccupato (che quindi non ha perso il lavoro per aver presentato le proprie dimissioni, salvo che le stesse siano motivate da una “giusta causa”) che ha le seguenti caratteristiche:
1. è in possesso dello Stato di Occupazione con la relativa dichiarazione di immediata disponibilità all’impiego, rilasciata presso il Centro Per l’Impiego;
2. può far valere almeno 13 settimane di contribuzione nei 4 anni precedenti l’inizio del periodo di disoccupazione;
3. ha lavorato per almeno 30 giorni nei 12 mesi precedenti la disoccupazione.

Il disoccupato che riceve la NaSpI in un Paese Ue, Islanda, Liechtenstein, Norvegia, Paesi See e Svizzera (compresi quelli non comunitari convenzionati con l’Italia in materia di disoccupazione per l’esportabilità della prestazione), dovrà iscriversi come “persona in cerca di lavoro” presso gli uffici preposti nello Stato ospitante, in questo modo la NaSpI continuerà a essere liquidata per un massimo di tre mesi durante la ricerca del lavoro nel Paese estero.

In caso di rioccupazione presso un datore di lavoro all’estero, il disoccupato decadrà dal diritto alla NaSpI se la durata del contratto è superiore a sei mesi. Se il nuovo contratto è invece di durata inferiore ai sei mesi la NaSpI verrà sospesa per un massimo di sei mesi. Terminato il contratto la NaSpI sospesa verrà ripristinata a condizione che il soggetto non abbia richiesto analoga prestazione al paese ospitante.

Chi percepisce la NaSpI e si reca all’estero alla ricerca di lavoro, deve comunicare questa scelta al Centro per l’Impiego. In caso di mancata comunicazione, viene meno il diritto a esportare la prestazione, che sarà recuperata interamente dalla data di indisponibilità presso il Centro Per l’Impiego cioè dalla data di espatrio. Per conservare il diritto, dopo l’espatrio nell’ambito Ue, il disoccupato è tenuto a questi adempimenti:
  • prima della partenza deve essere iscritto, in Italia o in altro Stato nel caso di più spostamenti, come richiedente lavoro;
  • deve essere rimasto a disposizione degli uffici del lavoro dello Stato membro di arrivo per almeno quattro settimane (in Italia, la normativa vigente ha stabilito che per esportare la NaSpI, è sufficiente che prima della partenza l’interessato sia stato iscritto almeno un giorno al Centro Per l’Impiego) e la partenza prima di tale termine deve essere autorizzata dal Centro Per l’Impiego estero;
  • deve iscriversi come richiedente lavoro presso gli uffici del lavoro dello Stato comunitario in cui si reca;
  • deve sottoporsi ai controlli e rispettare le condizioni previste dalla legislazione in materia vigente nello Stato di arrivo.
Se il disoccupato espatria in un Paese non comunitario e non convenzionato con l’Italia in materia di disoccupazione e, prima di partire, stipula un contratto di lavoro con un’azienda del Paese in cui si sta trasferendo, è prevista la sospensione della prestazione per un massimo di sei mesi.
Se invece il disoccupato espatria per motivi diversi dal precedente e diversi da matrimonio, malattia propria o del congiunto, lutto, opportunamente documentati, la prestazione decade dalla data dell’espatrio.
Se stipula in Italia un contratto di lavoro subordinato da eseguire in una filiale presso un Paese della Ue che applica la normativa comunitaria, trovano applicazione gli istituti della sospensione, del cumulo e della decadenza come nelle ipotesi di percettore di NaSpI che si rioccupi in Italia.
Chi percepisce la NaSpI, prima della partenza oltre a comunicare l’indisponibilità al Centro Per l’Impiego perché ci si reca all’estero, deve richiedere all’Inps territorialmente il rilascio del documento U2 (che attesta il mantenimento del diritto alla prestazione) e del documento U1 (che attesta i periodi di assicurazione). Gli stessi adempimenti devono essere attuati da chi percepisce l’indennità di disoccupazione a carico di uno Stato estero e rientra in Italia alla ricerca di un lavoro, comunicando quindi l’indisponibilità a causa dell’espatrio e richiedendo le due attestazioni all’istituzione dello Stato estero.
Sia in Italia che nei Paesi UE, il disoccupato deve iscriversi entro sette giorni come persona in cerca di occupazione presso il Centro Per l’Impiego dello Stato in cui si reca e deve presentare l’attestazione U2.
Nella provincia di Alessandria sono presenti i seguenti sportelli del Patronato Acli presso cui è possibile rivolgersi per ulteriori informazioni:

Sede Provinciale di Alessandria
Via Faà di Bruno 79
Tel. 0131/25.10.91 - Cell. 333.29.94.285

Sede Zonale di Casale Monferrato
Via Mameli, 65
Tel. 0142/41.87.11 - Cell. 366.54.93.82

Sede Zonale di Tortona
Via Emilia 244
Tel. 0131/81.21.91 - Cell. 333.29.94.285

Sede Zonale di Novi Ligure
Via P. Isola 54/56 -
Tel. 0143/74.66.97 - Cell. 331.57.46.362

Segretariato Sociale di Valenza
c/o Comunità Parrocchiale
Via Pellizari 1
Tel. 0131/94.34.04 – Cell. 392.70.51.519

Segretariato Sociale di Acqui Terme
Via Nizza 60/B
Tel. 0131/25.10.91
27/10/2018
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Taryn Donath Quartet apre la stagione del Macall? di Castelceriolo
Taryn Donath Quartet apre la stagione del Macall? di Castelceriolo
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Sabato 03 Novembre 2018 Taryn Donath Quartet in concerto al Macallé
Sabato 03 Novembre 2018 Taryn Donath Quartet in concerto al Macallé
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
Biodigestore Carentino: il presidio contro il progetto durante la Conferenza dei Servizi
Biodigestore Carentino: il presidio contro il progetto durante la Conferenza dei Servizi
-->