Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Basket - Serie A2

Il Derthona paga un brutto secondo tempo e cade ad Agrigento

Dopo un primo tempo equilibrato, i bianconeri patiscono la vena offensiva degli avversari, guidati da Ambrosin e Cannon, e si arrendono ad Agrigento
AGRIGENTO - Sconfitta per la Bertram Derthona, scesa in Sicilia per sfidare la Moncada Agrigento con il rientrante Garri ma priva di Ganeto, fermatosi nel corso della gara con Roma. Dopo un primo tempo equilibrato, i bianconeri patiscono la vena offensiva degli avversari, guidati da Ambrosin e Cannon, e si arrendono ad Agrigento.

Avvio di gara contraddistinto dal grande equilibrio tra le due squadre, che trovano soluzioni offensive efficaci: sono Tuoyo e Cannon i principali protagonisti dei primi minuti di gioco, che vedono continui sorpassi e contro sorpassi nel punteggio. È nuovamente il centro americano della formazione di casa (autore di 12 punti nel quarto) a chiudere il parziale favorevole ai bianconeri ispirato dalle triple di Gergati e Knowles e alla prima sirena il Bertram conduce 20-21.

Nel secondo periodo parte meglio la squadra siciliana, guidata dai canestri di Ambrosin e Bell che costringono coach Ramondino a interrompere il gioco sul 28-22 del 12’. La reazione del Derthona è affidata a Blizzard e Alibegovic, che chiudono il break favorevole ad Agrigento e riportano i bianconeri al -1 (30-29). Nei minuti finali del primo tempo permane l’equilibrio in campo e la squadra di coach Ciani va al riposo in vantaggio 40-35.

Al rientro dagli spogliatoi il Derthona alza l’intensità della propria difesa, tornando a -1 (40-39), prima di subire un nuovo break – guidato da Pepe – di Agrigento, che allunga nel punteggio (48-41 al 26’). Nel finale di frazione la formazione di coach Ciani trova buone soluzioni offensive, proseguendo nel proprio momento favorevole e raggiungendo, per la prima volta nella gara, la doppia cifra di margine (54-42 al 29’): il periodo è chiuso dalla tripla di Ambrosin e dai liberi di Blizzard, che fissano il punteggio sul 57-46.

Nell’ultimo quarto il Bertram prova a reagire, ma viene tenuto sopra la doppia cifra di divario dalla precisione di Agrigento nel tiro da fuori: al 35’ i siciliani conducono 63-52. Un ispirato Ambrosin alimenta il margine della M Rinnovabili (67-52 al 36’), costringendo coach Ramondino a fermare il gioco. La formazione di coach Ciani controlla gli ultimi tentativi di rientro dei bianconeri e conquista il successo per 71-60. 

M RINNOVABILI AGRIGENTO - BERTRAM DERTHONA  71-60 (20-21, 40-35, 57-46)

Agrigento: Bell 8, Cannon 16, Evangelisti ne, Cuffaro ne, Sousa 4, Ambrosin 19, Nicoloso ne, Guariglia ne, Trupia ne, Zilli 12, Pepe 12, Fontana. All. Ciani 
Derthona: Knowles 11, Tuoyo 14, Alibegovic 13, Blizzard 10, Ndoja 5, Garri 4, Lusvarghi, Viglianisi, Gergati 3, Spizzichini. All. Ramondino 


Così coach Ramondino al termine dell’incontro: ˝Complimenti ad Agrigento per la vittoria e per essere stata molto più continua di noi. Sono stati molto presenti in ogni singolo possesso per l’intera durata dell’azione. Dal nostro punto di vista, al di là di alcuni aspetti tecnici, la chiave deve essere trovare compattezza quando le cose non funzionano, quando non siamo precisi e non riusciamo ad esprimere una qualità alta di gioco, sia per demeriti nostri che per meriti degli avversari. Dobbiamo lavorare con continuità e insieme per cercare di migliorare sia a livello fisico che a livello tecnico. Serve trovare il modo di produrre il nostro gioco e di trovare soluzioni ai problemi che ci troviamo di fronte nel corso della partita: siamo ancora alla ricerca di equilibrio e in questa settimana abbiamo fatto due allenamenti consecutivi con lo stesso roster. Nel corso della settimana dobbiamo lavorare meglio, con tutti gli effettivi a disposizione˝. NOTE: foto fornite dall'Ufficio Stampa di Agrigento
3/12/2018
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Taryn Donath Quartet apre la stagione del Macall? di Castelceriolo
Taryn Donath Quartet apre la stagione del Macall? di Castelceriolo
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Antonio Albanese il prossimo 13 dicembre 2018 al Palatenda Alegas con "Personaggi"
Antonio Albanese il prossimo 13 dicembre 2018 al Palatenda Alegas con "Personaggi"
DIRTY DANCING FA SOGNARE LA PROVINCIA!! SOGNA INSIEME A NOI SABATO 8 DICEMBRE AD ALESSANDRIA
DIRTY DANCING FA SOGNARE LA PROVINCIA!! SOGNA INSIEME A NOI SABATO 8 DICEMBRE AD ALESSANDRIA
 Dirty Dancing- il musical, nella sua edizione speciale per i 30 anni dall'uscita del film
Dirty Dancing- il musical, nella sua edizione speciale per i 30 anni dall'uscita del film
-->