Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Tortona

Via libera al recupero di cava Pecorara, ma con limiti più restrittivi

La Regione ha dato il via libera al recupero di cava Pecorara, utilizzata da Cociv per il deposito di smarino. Accolte le richieste dell'amministrazione: i limiti per il conferimento di terre da scavo saranno più restrittivi rispetto a quelli previsti inizialmente
TORTONA – C'è il via libera della giunta regionale del Piemonte per il progetto di recupero della cava Pecorara, sito utilizzato da Cociv per il materiale di scavo derivante dalla realizzazione del Terzo valico dei Giovi.
La Regione Piemonte ha tenuto conto delle argomentazioni sostenute dall’amministrazione comunale di Tortona in sede di Conferenza dei Servizi, ammettendo il ritombamento della cava con materiale di scavo che rispetti i limiti più restrittivi, anche se il sito si trova in area industriale.
“Con il supporto di Arpa e Asl, il Comune di Tortona è riuscito ad ottenere questo importante risultato a salvaguardia dell’ambiente e della salute pubblica, scongiurando il rischio di possibili rischi derivanti dall’introduzione di materiali potenzialmente pericolosi in una zona ricca di falde acquifere”, dicono dal comune.
Sarà possibile “sforare” su tre valori, ammessi dalla Regione: cromo totale, nichel e cobalto, a condizione, peraltro, che questi esuberi siano propri del terreno di estrazione; infatti alcune zone del territorio, interessate dal progetto, potrebbero presentare un fondo che, per sua natura, presenta già una maggiore concentrazione di questi tre elementi.
“Accogliamo favorevolmente la decisione della Giunta Regionale che ha quasi totalmente accolto le osservazioni ed i pareri rappresentati dal Comune di Tortona – dichiara l’Assessore all’Ambiente Davide Fara. Abbiamo tenuto ferma nelle opportune sedi la nostra posizione poiché riteniamo che il nostro sia un territorio già troppo segnato e compromesso da un punto di vista ambientale per permettersi ulteriori concessioni”.
12/09/2018
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Taryn Donath Quartet apre la stagione del Macall? di Castelceriolo
Taryn Donath Quartet apre la stagione del Macall? di Castelceriolo
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Sabato 03 Novembre 2018 Taryn Donath Quartet in concerto al Macallé
Sabato 03 Novembre 2018 Taryn Donath Quartet in concerto al Macallé
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
Biodigestore Carentino: il presidio contro il progetto durante la Conferenza dei Servizi
Biodigestore Carentino: il presidio contro il progetto durante la Conferenza dei Servizi
-->